Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DCMT Dipartimento di Chirurgia e Medicina Traslazionale

Accettare contributi liberali

Il Dipartimento di Chirurgia e Medicina Traslazionale svolge un’importante attività di ricerca, anche internazionale, in ambito clinico e preclinico, in collaborazione con le Aziende Universitario Ospedaliere Careggi, Meyer e ASF. Il Dipartimento beneficia di finanziamenti pubblici nazionali e internazionali, e di finanziamenti da parte di privati provenienti da bandi competitivi.

In attesa di linee guida generali dell’Ateneo, si propone la seguente modulistica (link) per coloro che fossero intenzionati a contribuire alla nostra ricerca. A fronte di tale comunicazione il Dipartimento invierà una dichiarazione di accettazione ed estratto della delibera di approvazione in Consiglio di Dipartimento, nonché – a seguito dell’erogazione del contributo - un riscontro sulle effettive modalità di utilizzo dello stesso, in relazione alle scelte di esclusiva competenza del responsabile scientifico.

 

Note su liberalità alle Università e alla ricerca

Le erogazioni liberali si caratterizzano per l’assoluta gratuità con cui il donatore versa una somma o concede un bene, senza che questo gesto comporti una controprestazione da parte del beneficiario.

Il sistema tributario italiano riconosce delle agevolazioni fiscali, sotto forma di detrazioni di imposta, che riducono l’imposta lorda dovuta dal contribuente, ovvero come deduzioni dal reddito imponibile che abbattono il reddito imponibile.

 

Benefici fiscali per i privati (persone fisiche non imprenditori)

I soggetti privati che effettuano donazioni alle Università hanno diritto a delle agevolazioni fiscali da far valere in sede di dichiarazione dei redditi.

Oneri detraibili

L’art.15,co1, lettera i-octies del TUIR (DPR 22/12/1986, n.917) stabilisce i benefici fiscali che i donatori privati possono conseguire effettuando una erogazione liberale a favore delle Università in quanto enti di istruzione senza scopo di lucro.

Oneri deducibili

In alternativa alla detraibilità di cui al punto precedente, le erogazioni liberali alle Università possono essere portate in diminuzione del reddito complessivo, senza alcun limite. Costituiscono cioè oneri deducibili ai sensi dell’art. 10 co.1 lettera l-quater del TUIR.

 

In sintesi

SOGGETTI DONANTI

 

RIFERIMENTO NORMATIVO

RISPARMIO FISCALE

 

 

 

Privati (persone fisiche non imprenditori)

Erogazioni liberali a favore di enti di istruzione senza scopo di lucro

Ar.15, co.1 lett. i-octies del TUIR

Detrazione pari al 19% dall’imposta lorda

Erogazioni liberali in denaro a favore di università pubbliche, enti di ricerca pubblici, enti di ricerca sottoposti alla vigilanza del MIUR, enti parco regionali e nazionali

Art. 10, lett. l-quater, TUIR

Deduzione dal reddito complessivo senza limiti

 

 

Benefici fiscali per le imprese (imprenditori individuali e società residenti)

 

Le erogazioni liberali effettuate dalle imprese (individuali o collettive) costituiscono sempre un onere deducibile.

Il margine deducibile previsto dalla normativa in vigore p modulato in base alle caratteristiche dell’ente destinatario delle liberalità e/o delle attività da questo svolte.

In sintesi

SOGGETTI DONANTI

EROGAZIONI PER SINGOLO ANNO

RIFERIMENTO NORMATIVO

RISPARMIO FISCALE

 

Imprese (individuali e collettive)

 

Erogazioni liberali in denaro a favore di persone giuridiche che operano nell’ambito dell’educazione, istruzione, ricreazione, assistenza sociale sanitario o culto

 

Art. 100, co.2, lett. a) TUIR

 

Deduzione fino al 2% del reddito di impresa dichiarato

Erogazioni liberali in denaro a favore di istituti scolastici senza scopo di lucro finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa 

 

Art. 100, co.2, lett. o) bis  TUIR 

 

Deduzione totale dal reddito di impresa nei limiti di € 70.000,00 o del 2% del reddito di impresa dichiarato

Fondi per il finanziamento della ricerca, a titolo di contributo o liberalità, in favore di università pubbliche, degli enti di ricerca pubblici, delle fondazioni e delle associazioni regolarmente riconosciuta a norma del regolamento di cui al DPR n.361 del 10/2/2000, aventi per oggetto statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, ovvero degli enti di ricerca vigilati da MIUR ivi compresi l’ISS e l’ISPEL, nonchè gli enti parco regionali e nazionali

 

 

Art. 1, co.353, legge n. 266 del 23/12/2005 

 

 

 

Deduzione dal reddito di impresa

Il Dipartimento di Chirurgia e Medicina Traslazionale è disponibile a ricevere contributi liberali per studi su:

* progetto educativo rivolto a studenti/paramedici sulla corretta valutazione degli indici LQI (Life Quality    Index) e NAPSI (Nail Psoriasis Index) in pazienti con psoriasi moderata-grave.

* crescita dei giovani ortopedici afferenti alla Clinica Ortopedica

 
ultimo aggiornamento: 09-Mar-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina