Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DCMT Dipartimento di Chirurgia e Medicina Traslazionale

Sezione di Chirurgia Generale

Sede Sezione di Chirurgia Generale
Padiglione 8 delle Cliniche Chirurgiche - Largo Brambilla 3

La sezione di chirurgia del DCMT ha sede presso l’edificio delle Cliniche Chirurgiche e si caratterizza per competenze assistenziali, di ricerca e di didattica che riguardano la chirurgia generale nel suo complesso. Allo scopo di migliorare i rendimenti clinici ed implementare la didattica e la ricerca, sono state create delle unità di chirurgia specialistica quale quella del digerente superiore, del digerente inferiore, del fegato, vie biliari e pancreas, del torace, dell’apparato endocrino, della mammella, dell’urgenza e del trauma, della parete, dell’endoscopia chirurgica e della chirurgia sperimentale alle quali afferiscono i vari docenti della sezione coadiuvati da altro personale, medico e paramedico, dell’AOUC. Queste unità nascono dall’esigenza di offrire una chirurgia sempre più moderna, aggiornata, efficiente ed efficace che prevede l’effettuazione di interventi chirurgici complessi e con l’uso di tecnologie avanzate, quali quelle mini invasive, che caratterizzano al giorno d’oggi gli ospedali di riferimento di terzo livello assistenziale. Tali competenze si riflettono sull’attività didattica svolta principalmente nella Scuola di Scienze della Salute Umana e nelle varie Scuole di Specializzazione come quella di Chirurgia Generale, Chirurgia Toracica, Chirurgia dell’Apparato Digerente, Anestesia e Rianimazione, Gastroenterologia, Urologia, Ostetricia e Ginecologia, Oncologia  e Geriatria. L’attività didattica viene svolta anche in altri corsi di laurea quali quelli in Scienze Infermieristiche, in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, Odontoiatria, Dietologia, Fisioterapia, Logopedia, Podologia, Tecniche Ortopediche e Tecniche della Prevenzione nell’Ambiente e nei luoghi di lavoro. La principale attività della Sezione di Chirurgia Generale è diretta alla cura della malattie neoplastiche; grazie alle competenze dei vari docenti che vi afferiscono è possibile fare fronte a tumori localizzati in tutti gli organi ed a situazioni che per la loro complessità o rarità richiedono competenze molto specifiche e grande esperienza (neoplasie esofagee, gastriche, epatobiliopancreatiche, intestinali, polmonari). Molto impegno viene posto a ridurre il trauma chirurgico ed ad accorciare le degenze postoperatorie ed a diminuire complicanze e mortalità utilizzando tecniche mini-invasive e metodiche di nutrizione artificiale. Grazie all’esecuzione di diagnosi genetiche da parte di altri componenti il Dipartimento, è anche possibile la chirurgia profilattica di alcune gravi sindromi neoplastiche ad impronta eredo-familiare: MEN 1 e 2, neoplasie endocrine di altro tipo (paratiroidee, tiroidee o surrenaliche), Poliposi Adenomatosa Familiare ed HNPCC. Inoltre si sono sviluppate competenze per fronteggiare le neoplasie su cirrosi in forte aumento e non sempre curabili con il trapianto di fegato e per curare la malattia metastatica da carcinoma del colon-retto a livello epatico, polmonare o peritoneale. Questa attività clinica è di grande rilievo e permette di contribuire con importanti e talora innovativi lavori scientifici al progresso della nostra disciplina.  Il poter disporre dei preparati chirurgici permette anche lo studio di fattori genetici o bio-molecolari inteso a chiarire aspetti patogenetici, diagnostici o prognostici ed offre l’opportunità di coagulare intorno a gruppi con forte vocazione clinica, quale quella chirurgica,  studiosi coinvolti in attività di caratterizzazione morfo-strutturale e molecolare. Potranno così crearsi percorsi virtuosi di cui si avvantaggeranno sia la ricerca traslazionale che future possibilità terapeutiche. Tali linee di ricerca sono sostenute da finanziamenti Ministeriali (MIUR), della Regione Toscana e di Fondazioni. Un altro settore di grande interesse è anche quello di sviluppare una scienza traslazionale dedicata alle terapie cellulari, alle nuove tecnologie e soprattutto ai biomateriali. A questo riguardo si prospetta molto utile l’interazione tra clinici (chirurghi generali, senologi ed ortopedici) e biologi con la possibilità di applicare prontamente nuovi materiali guardando a precise esigenze terapeutiche.  Infine, essendo presenti tra i ricercatori competenze epidemiologiche un altro settore di ricerca di grande interesse è quello della correlazione tra patologie e terapie per osservare e certificare il risultato curativo.

 

Coordinatore di Sezione: Prof. Giacomo Batignani

 

Personale afferente

Cognome Nome SSD SSC Ruolo o qualifica
       
Batignani Giacomo MED18 06C1 Professore Associato
Bechi Paolo MED18 06C1 Professore Ordinario
Cianchi Fabio MED18 06C1 Professore Ordinario
Fazi Marilena MED18 06C1 Professore Associato 
Ficari Ferdinando MED18 06C1 Professore Associato 
Freschi Giancarlo MED18 06C1 Professore Associato 
Fucini Claudio MED18 06C1 Professore Associato 
Giudici Francesco MED18 06C1 Ricercatore Tempo Determinato b)
Orzalesi Lorenzo MED18 06C1 Ricercatore 
Pantalone Desirè MED18 06C1 Ricercatore 
Paparozzi Carlo MED18 06C1 Professore Associato 
Perigli Giuliano MED18 06C1 Professore Associato 
Politi Leonardo MED21 06E1 Professore Associato
Pucciani Filippo  MED18 06C1 Professore Associato 
Ringressi Maria Novella MED18 06C1 Ricercatore Tempo Detrminato a)
Taddei Antonio MED18 06C1 Professore Associato
Voltolini Luca MED21 06E1 Professore Associato
 
ultimo aggiornamento: 10-Ott-2018
Unifi Home Page

Inizio pagina